Quali sono le attrezzature di base di un dentista

By | 25 Marzo 2020
attrezzature dentista

Uno studio dentistico, così come ogni altro studio medico professionale, ha necessità di un’attrezzatura di base che serva per svolgere la maggior parte delle operazioni previste in uno studio. Ma qual è la dotazione minima che uno studio deve possedere? Quali gli strumenti indispensabili? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Quali sono le attrezzature di base di un dentista


Quando si pensa ad un dentista il primo strumento che viene in mente è il trapano, forse quello più temuto da parte dei pazienti. In realtà, però, ci sono anche altre attrezzature che sono indispensabili per un dentista, da tenere nello studio odontoiatrico per affrontare qualsiasi situazione si possa presentare durante una visita dentistica. Della dotazione di base di un dentista fa parte, ad esempio, lo specchietto che è quello strumento che consente di poter visionare anche negli angoli più nascosti della bocca, soprattutto dell’arcata superiore, per verificare la presenza di carie, di tartaro o di un’infiammazione e poi procedere nel modo più corretto. Anche lo specillo è uno strumento indispensabile: si tratta di quello strumento che ha una forma sottile e allungata, con un piccolo uncino finale che serve per scavare nella cavità orale oppure a modellare la cena. Le pinze da estrazione sono uno strumento abbastanza conosciuto, un po’ meno forse lo sono le sonde parodontali che aiutano a valutare la gravità della parodontite e a misurare la perdita del tessuto osseo in un paziente.

Strumenti monouso e strumenti riutilizzabili

Una distinzione molto importante nell’ambito dell’attrezzatura dentistica è quella che suddivide questo materiale fra strumenti monouso e strumenti riutilizzabili. Nella prima categoria rientrano tutti quei prodotti che possono essere utilizzati una sola volta e subito dopo devono essere gettati. È il caso, ad esempio, dei guanti, degli aghi ma anche dei tubicini aspirasaliva e del bicchiere per il risciacquo. Tutti questi prodotti devono essere gettati dopo il primo utilizzo. Gli strumenti riutilizzabili, invece, come dice il nome stesso sono prodotti che possono essere utilizzati più e più volte, ovviamente dopo un attento processo di sterilizzazione. In questa categoria rientrano tutte le attrezzature indispensabili che prima sono state menzionate. Sono riutilizzabili, inoltre, anche la lampada polimerizzatrice che viene impiegata per velocizzare il processo di indurimento dei materiali odontoiatrici da riempimento come nel caso delle otturazioni. Anche il laser e il curette, un piccolo cucchiaio tagliente utilizzato per eliminare il tartaro, sono considerati materiali riutilizzabili dopo igienizzazione.

Le attrezzature dedicate all’implantologia

Se questi fin qui elencati fanno parte della dotazione di base di un dentista, esiste poi una strumentazione specifica che deve essere impiegata nel caso di implantologia, quel settore dell’odontoiatria che si occupa di impiantare denti artificiali o intere arcate. Fra questi c’è sicuramente la fresa a rosetta oppure la fresa lanceolata, che incide l’osso corticale per inserire l’impianto dentale. La fresa pilota, invece, è quella utilizzata per per definire le misure di profondità e di larghezza dell’alveo che dovrà ospitare l’impianto dentale. Anche il preparatore di spalla è molto utilizzato, soprattutto quando il dentista si scontra con una corticale ossea particolarmente resistente. Il maschiatore, invece, è quello strumento che viene impiegato per ottenere la filettatura all’interno dell’osso. Infine il mucotomo asporta la gengiva in eccesso ricresciuta intorno all’impianto dentale.

L’importanza delle attrezzature in uno studio dentistico

Per uno studio dentistico avere la strumentazione necessaria e adeguata per poter affrontare ogni tipo di attività è molto importante perché proprio la strumentazione è il primo biglietto da visita per un cliente che così potrà apprezzare anche la dotazione tecnologica e strumentale di uno studio dentistico. Va inoltre ricordato che ormai la scienza dentale ha raggiunto livelli di specializzazione molto elevati e nessuno studio che vuole essere all’avanguardia e intende fornire un servizio di qualità ai propri pazienti può fare a meno di una dotazione strumentale all’altezza delle aspettative. È indispensabile, quindi, acquistare strumenti e macchinari di qualità e mantenerli sempre perfettamente igienizzati e in buono stato per offrire uno standard qualitativo all’altezza dei desideri dei clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.